Il dibattito sul Futuro di Cup2000 SPA

Continua, acceso, il dibattito sul futuro di Cup2000 SPA e sul Piano Strategico approvato dal Comitato di Pilotaggio. Sulla stampa cittadina sono intervenuti ancora sindacalisti ed esponenti politici. I 600 dipendenti della società si stanno preoccupando non solo del loro futuro occupazionale – come spesso si legge e come sarebbe naturale – ma anche di quello dell’azienda in cui si riconoscono con orgoglio. E questa è una cosa bella. Bisogna aver rispetto di chi è orgoglioso del proprio lavoro e dell’azienda in cui è occupato. Non capita spesso.
Qualcuno continua domandarsi dove è il problema, avendo l’azienda chiuso i propri bilanci in pareggio per 17 anni.
Ho partecipato a tutte le riunioni del Comitato di Pilotaggio e ho discusso animatamente, in questi mesi, con i dirigenti della sanità regionale e con quelli comunali, con i sindacati e i lavoratori. Credo, per esperienza vissuta, di essere nella condizione di dare una risposta a questo interrogativi
Lascio stare, ovviamente, le provocazioni: quelle messe in giro in modo diffamatorio sui nostri bilanci e i sui nostri costi dei servizi. Abbiamo già risposto con dati alla mano. Prendo atto che nel piano strategico non se ne fa cenno, per fortuna.
Il problema non è nemmeno il numero dei dipendenti o, come si dice in gergo, la lunghezza della filiera produttiva.. Anche se gli occupati di un’impresa che va bene sono sacri e la loro professionalità va tutelata. Su questo punto il piano strategico fa un passo avanti.
Il problema è invece l’azienda in quanto tale. Quella che è oggi dopo un lungo cammino. La sua autonomia e la sua identità come impresa straordinariamente innovativa. Per certi versi, unica nel suo genere.
Scrivono – in L’età ibrida, un libro pubblicato da Codice che vi consiglio di leggere – Ayesha e Parag Khanna, due guro delle maggiori istituzioni finanziarie mondiali: ‘senza le aziende IT i governi non sarebbero in grado di accedere ai dati e di gestirli’. Ma di quali aziende I T – Information Technology – essi parlano? Non certo di quelle che vendono software, hardware o connettività. O delle tante società di consulenza che conosciamo, pubbliche e private.
I Khanna – lo si capisce leggendo il libro – parlano di ben altro, di network-company come Cup2000. Aziende che creano le condizioni per amministrare il futuro. In questo caso il futuro della sanità.
Cup 2000, prima con i Cup e le reti e-Care, oggi con il Fascicolo Sanitario Elettronico ha creato le basi per accedere e gestire i dati (i big data) della sanità, cioè le informazioni dematerializzate che rivoluzioneranno l’assistenza. Anzi, la stanno già rivoluzionando.
Questo è quello che l’azienda fa già oggi. Non bisogna inventarne un’atlra.
Se l’attuazione del piano strategico parte da qui, allora il progetto è valido e l’orgoglio dei nostri dipendenti ha un senso.
Se, invece, il piano viene curvato per fare di Cup2000 un delle tante agenzie controllate dalla burocrazia pubblica ( ne abbiamo già una quindicina in regione!) allora c’è da preoccuparsi, non solo per l’occupazione dei dipendenti di Cup.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *