Il Piemonte decide di far decollare il FSE, stanziati 18 milioni con i POR, un fatto importante. Presto tutto il nord avrà il Fascicolo, occorre una strategia per il Sud.

Il Piemonte decide di far decollare il FSE, stanziati 18 milioni con i POR, un fatto importante. Già negli ultimi tempi CSI Piemonte, la società in house della Regione si è impegnata per la realizzazione del progetto, come ci hanno riferito Ferruccio Ferranti e Carla Gaveglio all’incontro di Salerno di Assinter Academy. Il pieno decollo del Fascicolo il Piemonte, dopo i risultati conseguiti in Lombardia, Emili-Romagna (dove finalmente a maggio parte una campagna informativa sul Fascicolo), Trentino, Valle D’Aosta, Veneto e Toscana ( e le potenzialità presenti in Friuli e Liguria con le in house Insiel e Liguria Digitale) porterebbe di fatto tutti i cittadini del nord d’Italia a disporre del FSE, un fatto,rivoluzionario per la buona ma un po’ ‘vecchia’ sanità nitalana. La strategia dell’Italia Digitale deve ora guadare seriamente alle regioni del Sud, dando attuazione alla Carta di Salerno ( 10 marzo 2017) proposta da Assinter Italia in accordo con Agid, Consip, Politecnico di Milano e le maggiori imprese ICT di mercato.

Sole 24 ore Sanità Piemonte decolla FSE
  

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *