Mariano Corso, Politecnico di Mi, “Non snaturare la missione delle aziende ICT delle Regioni con aggregazioni improprie” 

Corriere delle Comunicazioni, Quotidiano on line dell’Economia Digitale.
L’ANALISI

Il docente del Polimi e direttore scientifico di P4i sull’accordo tra Governo-Regioni-Comuni: “Il rischio è che le società siano spinte verso aggregazioni con realtà che non si occupano di digitale per evitare la tagliola”. La sfida? “Valorizzare il ruolo di collante tra territori e Stato”

di Federica Meta


“L’accordo trovato tra Governo-Regioni e Comuni sulle in house rischia di determinare uno snaturamento della missione di queste società, soprattutto quelle dell’IT”. Mariano Corso, docente di Leadership and innovation al Politecnico di Milano e direttore scientifico di P4i-partners for innovation, boccia l’intesa che mette la tagliola su 3mila in house, tra cui quelle dell’innovazione.

A preoccupare Corso soprattutto la “costrizione” all’aggregazione. “C’è il rischio che alcune società, per evitare la tagliola – spiega l’esperto – decidano di aggregare, incorporando anche società pubbliche che si occupano di altro, per evitare di scomparire. D’altronde è già successo con l’operazione LazioCrea, la nuova società della Regione Lazio, che ha unito Lait (attiva nell’Ict) e Lazio Service (nei servizi). Due aziende pubbliche che svolgevano attività molto diverse tra loro e per le quali l’integrazione non funziona: le strategie dei servizi Ict non possono essere le stesse che per altri tipi di servizi”.

“Stesso discorso – prosegue Corso – per Lombardia Informatica che ha inglobato la centrale di acquisti della Regione. Ma non funziona così: comprare Ict non è uguale a comprare altri beni. In questo modo si snatura la caratteristiche stessa delle in house Ict, con impatti negativi sui processi di digitalizzazione dei territorii. La sfida è dunque quella di valorizzare la missione IT di queste aziende. “Le in house costituiscono una risorsa fondamentale al servizio di una corretta e coerente digitalizzazione del Paese. Le grandi sfide dell’Agenda Digitale non potranno attuarsi in assenza di un forte committment di Regioni e Province Autonome – puntualizza Corso – Le in house possono costituire non solo il braccio attuativo sul territorio, ma anche quell’elemento di coesione capace di favorire il raccordo tra diverse iniziative regionali e tra queste e l’azione del Governo e della Agenzia per l’Italia Digitale. Per svolgere questo ruolo le società in house si stanno attrezzando, adottando modelli organizzativi più efficaci con l’obiettivo di diventare un vero e proprio ponte tra le esigenze di innovazione e trasformazione digitale delle PA e le capacità ed opportunità tecnologiche presenti sul mercato”. 

Link: Corriere delle Comunicaziini

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *