Tempi di attesa, la risposta non può essere burocratica

Dobbiamo riflettere con attenzione e serietà sul contenuto di questa intervista, apparsa su il Il Resto del Carlino di oggi a firma di una stimata e qualifica giornalista.
Qui le alte tecnologie e-Health, che da diversi anni sono state messe a disposizione delle aziende sanitarie della regione – prima con il Cup, poi con il CupWeb e il Fascicolo Sanitario Elettronico, cioè soluzioni di generazione Internet – rischiano di vanificare il loro effetto dinnanzi ad una organizzazione sanitaria che opera al di fuori di questa nuova cultura comunicativa.
Non è un problema di appropriatezza, ma di comunicazione. Il cittadino di oggi si rifiuta di ricevere risposte come quelle raccontate in questa intervista, anche se sottendono, da parte delle aziende sanitarie e della Regione , il tentativo di organizzare più efficientemente i servizi sanitari e i percorsi di prevenzione. La risposta non può non apparire, in questi termini, burocratica.

IMG_3110.JPG

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *