2017 Feb
24

Seconda Lezione della Scuola dei Diritti dei Cittadini con la testimonianza di Virginio Merola Sindaco di Bologna, giovedì 2 marzo, ore 15, Università di Bologna, Aula Poeti, Strada Maggiore 45

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
16

Lezione dell’Arciverscovo Matteo Zuppi e gli iscritti alla Scuola Achille Ardigò 

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
16

Oggi la Prima Lezione della Scuola dei Diritti con Don Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna

 

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
15

È uscito il libro ‘Achille Ardigò nelle sue attività istituzionali’ . È stata un’occasione per approfondire il concetto di Soggetto Terzo a tutela dei Diritti dei Cittadini 

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
10

Fascicolo Sanitario Elettronico dell’Emilia Romagna: è straordinario! Guardate…

Oggi 10 febbraio, mentre ero al lavoro, poco dopo le 14, ricevo sul mio iPad una email pochi minuti dopo che mi figlia si era recata dal suo medico  di famiglia. Questa:


Mia figlia, essendo minorenne, ha un FSE accessibile dal mio FSE. Clicco sul link del mioFSE che mi compare in azzurro nella eMail e si apre il mio Fascicolo Sanitario Elettronico. Eccolo:


Ho la Passward già inserita e quindi premo Login e apro il mio FSE:


Premoin alto il tasto’ I miei FSE’ da cui accedo al Fascicolo di mia figlia dove posso costatare che il suo medico di famiglia le ha prescritto un esame del sangue per un controllo:


Premo ‘verifica disponibilità’ e accedo automaticamente al Cupweb, il sistema Elettronico di prenotazione che mi permette di prenotare sull’agenda l’esame del sangue richiesto scegliendo la prima disponibilità:


Non è fantastico? È il frutto di 15 anni di lavoro di Cup2000 spa in collaborazione con la Regione Emilia Romagna. La ‘prima pietra’ la mettemmo con Achille Ardigò nel 2002. Solo 300.000 cittadini su una popolazione  regionale di oltre 4 milioni lo usano (poco). È semplice da utilizzare: va diffuso a tutti! Anche nelle scuole e tra gli anziani. Con una grande campagna per farlo conoscerlo. 

Anche di questo parleremo alla Scuola Achille Ardigò dei Diritti dei Cittadini 

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
08

Anche i bisturi si de-materializzano assieme alla sanità : si opera al cuore con un fascio di ioni: protoni+neutroni (Da Repubblica Salute di oggi) 

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
04

Straordinario successo della Scuola dei Diritti. Nella sanità e nel welfare la gente chiede di contare e di conoscere. Anche i Comitati Misti degli Ospedali parteciperanno alla Scuola. Siamo rimasti letteralmente stupiti dal numero impressionante di persone che si sono iscritte alla Scuola dei Diritti dei Cittadini Achille Ardigò 2017. Avremo un problema per la capienza delle aule. Anche la proposta di costituire un Osservatorio Indipendente sulle liste di attesa e i tempi delle cure, in collaborazione con l’Università di Bologna, ha avuto tantissime adesioni. Perché tutto questo? Perche nella sanità e nel welfare locale la gente vuole contare e saperne di più. Non è più tempo di deleghe in bianco alla politica e alla burocrazia. Non c’è più una verità scientifica che si contrappone a un’opinione popolare infondata. La gente vuole conoscere tempi e opportunità di funzionamento dei servizio sanitari e assistenziali. Vuole avere certezze di diritti sulle prestazioni assicurate e previste da leggi e regolamenti. Vuole dire la propria opinione sull’organizzazione dei servizi, dal pronto soccorso al futuro dell’ospedale più vicino, dallo sportello Cup all’assistenza domiciliare. I cittadini si documentano, si scambiano le informazioni in rete, sui social network. Non si accontentano di risposte generiche. Chiedono trasparenza. In questi giorni abbiamo incontrato come Associazione A.Ardigò i rappresentanti dei Comitati Misti presenti nelle aziende sanitarie e nei distretti, volontari che si impegnano per tutelare i diritti dei cittadini malati: anche loro avvertono la necessità di una svolta, di uscire da percorsi burocratici in cui troppo spesso sono relegati e nei quali non hanno voce, non contano. Anche loro si aspettano tanto dalla Scuola dei Diritti e parteciperanno con un Laboratorio Autogestiti ( il 6 maggio) al corso. È tempo di grandi cambiamenti. Di pensare a un welfare e a una sanità ‘a bassa burocrazia’ e a forte partecipazione democratica, come chiedeva Achille Ardigo. Andremo a Scuola anche per questo.

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi

2017 Feb
02

Le grduatorie della Buona Sanità delle regioni: conta più il budget dei Cittadini? Ogni tanto escono delle graduatorie di buona sanità (si veda il link sotto al Sole24 ore Sanità di oggi ) in cui non si capisce se conta più il budget o la soddisfazione dei Cittadini assistiti. La domanda è ovviamente retorica. Lo racconto spesso ai mie studenti: a me è capitato di assistere ad una convegno a Roma, del Minitero della Sanità, in cui i vari assessori regionali alla sanità presentavano il bilancio del loro operato parlando di budget, conti in pareggio, soldi spesi e risparmiati. Un solo Assessore – era quello della Toscana – intervenne dicendo che nella sua regione erano diminuiti i bambini con le carie e gli obesi. Tutti gli altri e lo guardano con aria di disappunto e qualcuno si lasciò sfuggire ‘ ma che c’entra questo conn la sanità ‘. La regione Marche – non se ne abbia a male l’assessore – è promossa a pieni voti. Se dovessi giudicare il loro operato dal lato della realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico del Cittadino – uno strumento fondamentale per la trasparenza e la cura nel nuovo secolo – si troverebbe in fondo alla graduatoria: a speso milioni di euro in gare e garette e dopo cinque anni non ha ne l’FSE ne i medici in rete, quando poteva, con una spesa irrisoria, riutilizzare il sistema già funzionante da anni nella contigua regione Emilua Romagna. 

Sole 24 ore: graduatorie di sanità

Condividi questo intervento:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

scritto da Mauro Moruzzi