2015 Set
07

(DIRE) Bologna, 7 set. – Bologna rendera’ omaggio ad Achille Ardigo’: il Consiglio comunale oggi ha deciso di intitolare un luogo pubblico (una via, ma anche una piazza o un giardino) al ‘papa’ del Cup’. Un tributo al “sociologo ed illustre maestro, per onorarne la memoria e trasmettere il suo ricordo alle future generazioni”. Ardigo’, scomparso nel 2008, ha contribuito alla costituzione della societa’ di prenotazione delle prestazioni mediche, azienda che nel 1996 ha portato una grande innovazione in campo sanitario. Il sociologo bolognese e’ stato uno dei primi uomini di cultura a saper riconoscere le capacita’ comunicative di internet. Ardigo’, con l’ideazione del Cup, ha inoltre costruito una rete socio-assistenziale per tutte le famiglie: il suo sistema mediatico ha abbattuto, almeno in parte, i meccanismi burocratici delle prestazioni sanitarie.E’ tutto riportato nell’Ordine del giorno (presentato da Mariaraffaella Ferri, Pd e presidente della commissione delle Elette e sottoscritto dai consiglieri democratici e dal 5 stelle Massimo Bugani) che l’assemblea di Palazzo D’Accursio ha approvato all’unanimita’ facendo felice Mauro Moruzzi, gia’ direttore di Cup e oggi presidente dell’associazione Achille Ardigo’: in una nota ha espresso “grande apprezzamento per la decisione del Consiglio comunale”. Da Roma arriva anche il plauso del deputato Pd Andrea De Maria. (SEGUE) (Dal/ Dire)

scritto da Mauro Moruzzi

2013 Dic
10

“I protagonisti del Welfare e della Solidarietà a Bologna’ è il titolo della prima iniziativa organizzata dalla Associazione Achille Ardigò che si terrà mercoledì 11 dicembre a Bologna alle ore 18.00 presso la sala Passpartout di via Galliera 25/a. All’incontro parteciperà Paolo Mengoli, per otto anni Direttore della Caritas diocesana e da sempre presente nel volontariato cattolico, che verrà intervistato da Valerio Baroncini capocronista de Il Resto del Carlino

L’Associazione, recentemente costituita intende, con le sue iniziative realizzate esclusivamente attraverso il lavoro volontario dei soci, promuovere e diffondere la conoscenza del pensiero e delle opere di Achille Ardigò – uno tra i principali protagonisti della vita culturale e civile della nostra città – approfondendo i temi della solidarietà sociale e costruendo percorsi di studio e formazione sul pensiero socio-tecnico: l’utilizzo della rete e delle tecnologie dell’informazione per superare la crisi del welfare”.

Per ogni informazione:
Segreteria Organizzativa
Associazioneardigo@gmail.com
349 5153163

scritto da Mauro Moruzzi

2013 Nov
17

L’Associazione che porta il nome di Achille Ardigò – il grande sociologo bolognese fondatore in Italia della sociologia sanitaria e del pensiero sociotecnico, ma anche coofondatore della società Cup2000 – terrà la sua prima iniziativa pubblica l’11 dicembre a Bologna, nella sala del Passpartout di via Galliera, aprendo il ciclo ‘ I protagonisti del Welfare e della Solidarietà a Bologna’. L’ incontro è dedicato alla figura di Paolo Mengoli, per otto anni Direttore della Caritas diocesana e da sempre presente nel volontariato cattolico. Un invito a tutti gli amici ad esserci.

20131117-091603.jpg

scritto da Mauro Moruzzi

2013 Set
11

Ieri, nel corso del bellissimo convegno che ha ricordato Achille Ardigò a cinque anni dalla sua scomparsa aperto dall’intervento del Rettore dell’Università di Bologna Ivano Dionigi, è stata annunciata dalla famiglia del Maestro la nascita dell’Associazione Achille Ardigò che ho l’onore di presiedere.
L’Associazione ha lo scopo di far conoscere il pensiero del grande sociologo bolognese, che è stato anche tra i fondatori della società Cup2000 e del Cup di Bologna.
Sarà un laboratorio di idee sul pensiero socio-tecnico, sui temi delle tecnologie della Rete e delle innovazioni per un nuovo welfare dei cittadini. Ma, speriamo, anche una scuola di sociologia – come avrebbe voluto Ardigò – per conoscere meglio il mondo in cui viviamo.
Il sito ( in allestimento da ieri!) è http://www.associazioneachilleardigo.it

scritto da Mauro Moruzzi

2013 Lug
26

Un appuntamento importante: il 10 settembre, cinque anni dopo la scomparsa del grande sociologo e co-fondatore di Cup 2000 avvenuta nel 2008, presso la nostra sede in via Borgo di San Pietro 90/c si terrà il convegno “Internet, la Sanità e il Welfare dei Cittadini. L’attualità del Pensiero Socio-Tecnico di Achille Ardigò”.
Saranno presenti, oltre alle autorità e ai Rettori delle Università di Bologna e Urbino, i maggiori studiosi del pensiero sociologico italiano e dell’innovazione sociale.
Chiave di lettura dell’appuntamento – che avviene in giorni difficili e a volte oscuri per il futuro del welfare e delle autentiche innovazioni nella sanità – è una frase che lo stesso Maestro volle inserire nella prefazione ad un mio libro pubblicato dall’editore Franco Angeli nel 2005 ( Le Reti del Nuovo Welfare): “il link con il micro mondo degli utenti/pazienti non può in nessun modo essere dato per scontato”.

scritto da Mauro Moruzzi

2012 Dic
01

Lella Mazzoli – Direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e Derrick De Kerckhove del McLuhan Program in Culture & Technology dell’ Università di Toronto hanno proposto di ricordare la figura di Achille Ardigò – lo studioso che ha fondato in Italia la sociologia sanitaria e che è stato artefice della nascita della società CUP 2000 – con un importante convegno il prossimo 10 settembre 2013, a cinque anni dalla sua morte,da tenersi a Bologna, non casualmente presso la sede della nostra società, .
L’evento sarà di straordinario valore scientifico e di grande attualità perché interamente dedicato al pensiero socio-tecnico, all’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e di Internet nella sanità e nel nuovo welfare, che Ardigò prevedeva, in netto contrasto con la burocrazia del ‘900, ad Alta Comunicazione e a basso impatto burocratico, basati sull’empowerment del cittadino.
In tempi oscuri in cui l’efficacia dei servizi pubblici si cerca in un economicismo quantitativo e meccanicistico, culturalmente e umanamente povero, la riflessione sul pensiero socio-tecnico, sulla sociologia delle reti – quindi sul welfare di Internet e del Fascicolo Sanitario Elettronico – è una scelta di grande valore etico e scientifico.

scritto da Mauro Moruzzi

2012 Feb
12

Ieri notte è scomparso Guido Fanti, un amico. Guido è stato Sindaco di Bologna e Presidente della Regione. Con lui, Achille Ardigò e Antonio La Forgia, progettammo la nascita di Cup2000 a metà degli anni 90. Era innamorato dell’innovazione e condivideva con Ardigò, a cui era legato da un sentimento di amicizia e ammirazione, quel modo di pensare che ti porta a guardare con interesse al futuro anzichè con nostalgia al passato. Non molto prima di lasciarci mi ha telefonato, perchè voleva sapere del Fascicolo Sanitario Elettronico, lui che si stava avvicinando ai novanta anni!, e del libro che avevo pubblicato sull’argomento. Gli inviai il libro, dovevamo incontrarci. Tra i tanti uomini e donne della politica che ho incontrato, ciò che mi ha sempre colpito di lui era l’interesse non apparente per le idee e i progetti del futuro, cosa assolutamente non comune nell’ambiente politico di oggi.

scritto da Mauro Moruzzi

2011 Apr
07

E’ morto Aroldo Tolomelli, partigiano che aveva appena compiuto novanta anni, comandante di quelle SAP (Squadre d’azione Partigiana) che diedero filo da torcere ai tedeschi nella pianura bolognese e nella battaglia di Porta Lame, a Bologna. Era un  nostro amico e non mancava mai agli eventi di CUP 2000. Io l’ho conosciuto nel lontano 1968, mentre, assieme studenti del ‘movimento’, facevo volantinaggio davanti alle fabbriche bolognesi con gli operari che ci guardavano con sorpresa e con un po’ di sospetto. Veniva da una lunga e durissima esperienza di esiliato per motivi politici nella  Cecolslovacchia del blocco sovietico, lui che non era mai stato uno stalinista. Amava i giovani  e le innovazioni, anche da vecchio; non amava la burocrazia. Per questi due motivi gli piaceva la nostra esperienza e, assime ad altri grandi vecchi come Achille Ardigò e Giovanni Catti, partigiani come lui, ci ha consigliato e guidato, anche nei momenti difficili. LO RICORDEREMO SEMPRE.

scritto da Mauro Moruzzi