I dati-informazioni del FSE

Expo Sanità 2010, abbiamo presentato il Fascicolo Sanitario Elettronico (già sperimentato da 300 cittadini in Emilia-Romagna e già usufruibile dagli altri 4,3 milioni). C’erano Derrick De Kerckhove, Giorgio De Michelis, Giuseppe Granieri, Lella Mazzoli, Maurizio Matteuzzi; un gruppo di amici che considero tra i massimi esperti di Internet. Ho avuto il piacere di condividere con loro una nuova riflessione: quali dati e di QUALE QUALITA’ sono contenuti nel FSE. Almeno di quattro tipologie diverse: 1 dati personali di salute prodotti dal sistema sanitario; 2 dati personali di salute prodotti direttamente dal cittadino; 3 dati organizzativi (informazioni sull’organizzazione della salute); 4 dati-link verso altri siti Internet. I dati e le informazioni sono nuvole di bit che si generano nell’interazione tra persone diverse (esempio, tra un medico e un cittadino). Ma, come accade nella fisica, queste particelle, atomi dell’informazione, hanno natura diversa. In fisica una variazione di frequenza genera particella con proprietà assai diverse, come i raggi x o quelli ultraviloletti o infrarossi. Anche i bit assumono diversa valenza se generati in un contesto ambientale (ad esempio nell’interazione tra due cittadini) o in un contesto organizzativo(ad esempio nell’interazione tra due medici) o in contesto misto (nell’interazione, sempre ad esempio, tra un medico e un cittadino). La diversità diventa poi sostanziale se in dato-informazione è un prodotto esclusivamente organizzativo, cioè riguarda informazione riferite non a persone ma a organizzazioni (i dati e le informazioni riferiti all’organizzazione sono di qualità completamente diversa dai dati e le informazioni sulle persone!). Oppure se si tratta di dati riferiti a quella particolare forma di organizzazione che è la rete, cioè i dati-link. Nel FSE tutti questi dati si mescolano, si confondono, facendo crescere lo stato entropico dell’informazione che la rete ci trasmette. Ecco allora l’esigenza un sistema ricerca e di un ordine intelligente per i NOSTRI DATI contenuti nel nostro fascicolo sanitario personale.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *