La “doppia mission” delle aziende sanitarie

Venerdì scorso, all’Università di Urbino, Facoltà di Sociologia,  si è tenuta la lezione inaugurale del MIOS (Master in Innovazione Organizzativa e Sanitaria). Relatore il DG della ASL delle Marche, Roberto Malucelli.  Roberto – assieme al quale, tantissimi anni fa, studiavo le imprese coopertive sotto la direzione di Giorgio Napolitano (oggi Presidente della Repubblica) – è un DG di “lungo corso” e un manager molto preparato. Per l’occasione ha illustrato una tesi interessante sulla crisi della governance nelle aziende sanitarie italiane. Utilizzando dati della FIASO, ha sostenuto – traduco liberamente – che l’aziendalizzazione della sanità italiana è di fatto impedita per quattro motivi: 1. non c’è flessibilità sulle voci di costo (personale, medicina generale, farmaceutica …); 2. non c’è un sistema di reale incentivazione (e disincentivazione) per gli addetti; 3. la valutazione e la mobilità dei dirigenti dipende dal livello politico, che agisce sulla base di diverse variabili di cui gli output aziendali sono solo un apetto; 4. la spiegazione di 1, 2 e 3 è data dal fatto che l’azienda formalmente dovrebbe occuparsi di assistenza sanitaria, ma in realtà svolge nel territorio molte altre funzioni implicite richieste dal livello politico-istituzionale (tutela dell’occupazione, promozione economica, ecc…). Funzioni non previste formalmente dalla sua mission. Tutto questo non permette ai manager di fare budgeting, reporting e quindi di amministrare una Asl avvalendosi della scienza manageriale.  Nel pomeriggio ho cercato di approfondire la tesi di Robderto con gli studenti del Master: è chiaro che l’azienda ASL  ha una doppia mission, una esplicita e una implicita. Anche Drucker aveva parlato di questo nella sua nota teoria sulla “direzione per obiettivi”: la sua idea era che non si può pensare che i manager di un’azienda perseguano solo il massimo profitto. Ma nel caso delle aziende sanitarie (grandi imprese con migliaia di dipendenti ognuna) il peso della mission implicita è molto forte sul piano economico e dei costi aggiuntivi. La ricetta – che approfondiremo in una prossima pubblicazione – potrebbe essere quella di ridurre l’attività aziendale al solo core business assitenziale e di ripensare al tipo di aziendalizzazione: serve una grande azienda (sul modello neo fordista) o servono aziende in rete e aziende della Rete?

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *