Livia Turco e la peer review

Nell’ultimo numero del Settimanale del Ministero della Salute il Ministro Livia Turco ha spiegato che sono stati raggiunti stanziamenti record nella ricerca, in particolare per oncologia, neuroscienze e malattie rare: “abbiamo registrato l’aumento record a 350 milioni di euro l’anno degli stanziamenti, intervenendo contestualmente sul piano della trasparenza per l’assegnazione dei fondi, attraverso bandi pubblici e selezione dei progetti da parte di commissioni indipendenti con il metodo del peer review”. Questo riferimento del Ministro alla peer review è importante e mi ha perfino stupito. Di cosa si tratta? Don Tapscott, nel suo ormai famosissimo Wikinomics (Rizzoli, 2007) la spiega così: “a mano mano che le collaborazioni scientifiche su vasta scala entreranno a far parte della norma, gli scienziati si baseranno sempre più su metodi distribuiti per la raccolta dei dati, la verifica delle scoperte e il testing delle ipotesi, non solo per velocizzare il processo ma per accrescere la veridicità delle stesse conoscenze scientifiche. La pubblicazione rapita, iterativa e liberamente accessibile coinvolgerà una parte molto più ampia della comunità scientifica nel processo della peer review. I risultati saranno verificati da centinaia di partecipanti in tempo reale [su Internet], non da una manciata di esperti anonimi..”(pag. 181). L’apertura della ricerca su Internet – dai software open source, alla liberalizzazione dei risultati della ricerca farmaceutica e genetica, alle buone pratiche di sanità – costituisce l’inizio della nuova era informazionale e della cosiddetta wiki – economy. Saltano barriere organizzative e inutili mediazioni burocratiche e protezionistiche. C’è stata perfino un’azienda che è riuscita a brevettare le sequenze del genoma umano! Ma anche in questo caso ha vinto Internet. Se la peer review trionferà sarà la fine per i vecchi metodi, a dir poco discrezionali, di selezione dei cervelli e delle competenze nell’Università, nelle medicina e non solo.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *