Politecnico di Milano: L’ospedale del futuro


Venerdì 10 ottobre, al Politecnico di Milano, si è svolto il convegno di Polisanità, in cui si parla annualmente(di progettazione) dell’ospedale del futuro. Animatore dell’evento (di grande qualità scientifica, in un mare di convegni nazionali di sanità a bassa qualità scientifica!), come sempre, il professor Luigi Chiara. Il tema del mio intervento : “L’ospedale a domicilio e le reti e-care”. Ho posto a ingegneri e architetti 5 o 6 punti di premessa teorica, passando successivamente all’esame e alla classificazione dettagliata delle reti e-Health. Mi ha fatto piacere constatare che l’approccio ha suscitato interesse.

1. L’ospedale virtuale e la telemedicina rappresenteranno, nell’era di Internet, i tag di una nuova dimensione fisica e culturale della sanità.

2. Nella sanità occidentale è in atto una profonda riorganizzazione comunicativa e sistemica basata sulle reti e-Health/e-Care (Internet) e sulla telemedicina Hub and Spoke verticale, orizzontale e in forma BtoB e BtoC.

3. Questa riorganizzazione cambierà profondamente la “struttura produttiva” della sanità che fino ad oggi abbiamo conosciuto basata sulla centralità dell’Ospedale e su modelli organizzativi verticali e burocratici: si raggiungeranno nuovi livelli di integrazione tra assistenza sociale e sanitaria.

4. Le motivazioni di questa riorganizzazione-comunicativa e sistemica sono riferite ai livelli di efficienza (costi) e di efficacia (qualità) della produzione sanitaria e all’evoluzione della domanda di salute (invecchiamento della popolazione, trasformazioni familiari e richiesta di personalizzazione dei servizi).

5. La linfa di questo cambiamento sarà la diffusione, in forme fino ad oggi sconosciute, del “dato-informazione-conoscenza” di salute attraverso le reti e-Health; il primo passo sarà il Fascicolo Sanitario elettronico Personale del cittadino (FaSeP o EHR) Reti e-Health

Per implementare programmi di riorganizzazione sistemica della sanità (come l’Ospedale Virtuale o a Domicilio) occorre sviluppare il sistema Internet di reti e-Health, che permettono:

1. la condivisione del dato tra i professionisti della sanità (e-Data) in una nuova eccezione di Electronic Medical Record (Interoperability, Older Record Incorporation, Privacy, Standard, ecc.);

2. il trasferimento del dato al cittadino come suo naturale e legale possessore (Electronic Health Record; fascicolo elettronico personale) in una forma semanticamente e tecnologicamente accessibile (la cartella web);

3. l’accesso elettronico ai servizi sanitari (ma anche a quelli sociali) a partire dai Cup e dalla loro estensione a tutte le prestazioni sanitarie;

4. il trasferimento in rete delle informazioni e conoscenze per l’assistenza home care (e-Care), compresi i processi di deospedalizzazione e i servizi (e-services) di telemedicina, teleassistenza e telesoccorso.

5. l’utilizzo dei dati per la (e) governance amministrativa 6. Queste reti hanno una duplice-triplice dimensione: sono tecno-sociali nella parte che va in direzione del cittadino (dall’organizzazione assistenziale al cittadino; tra i cittadini, come il social network); tecno-organizzative quando assumono funzioni di (e) governance di sistema (trasmettono informazioni tra soggetti, nodi, organizzativi, amministrativi) o di (e) governance clinica (quando mettono in comunicazione i medici: condivisione del dato clinico).

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *