I social network servono per rubare il tempo libero alle persone?

Frederick Taylor, l’ingegner statunitense che all’inizio del 900 ha rivoluzionato i metodi della produzione industriale, sosteneva che il patto tra l’uomo e il nascente capitalismo erano le otto ore di lavoro in fabbrica, assieme alle otto passate in famiglia e tra gli amici, e alle otto di sonno.  Tre x otto, come è noto fa 24 ( ore) e i conti tornavano.  Sherry Turkle, psicologa e scrittrice americana, studiosa delle nuove tecnologie, sostiene invece – commento di Jonathan Franzen sulla Repubblica di oggi – che  il neo capitalismo (il termine, un po’ vecchiotto, è mio) si sta prendendo, oltre le otto ‘di fabbrica’, anche quelle  ‘da sveglio’ con Goggle, Facebook, le loro pubblicità, il telefonino,ecc. La Turkle non cita Taylor, che è uno studioso un po’ lontano nel tempo (e poi dove è finita la fabbrica?), ma le cose starebbero così. Vale la pene, oltre leggere il libro di Sherry (Reclaming Conversetion), rifletterci sopra.

   
 

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *