L’Articolo del giorno/il Piccolo di Trieste/la Sanità Virtuale

L’Articolo del giorno/il Piccolo di Trieste/la Sanità Virtuale. È un articolo per gli appassionati di Sanità Digitale e Virtuale. Spesso si fa confusione tra i due termini, anche in ambito accademico.  Capita così – come è capitato a me in un summit di luglio con autorevolissimi docenti dell’Università di Bologna –  di sentire cose fantasiose e anche qualche stupiddaggine. La Sanità Virtuale – come ho cercato di spiegare nel mio ultimo libro Smart Health, in libreria per l’Editore Franco Angeli dal 21 settembre –  è quella che illustra l’articolo del Piccolo di Trieste: applicare su un paziente digitale  (attenzione: non irreale, ma ricostruito attraverso una dematerializzazione di tutti i dati del suo corpo e della sua malattia) una cura virtuale, calcolando, con il potere tecnologico di simulazione del computer, gli effetti clinici. Un tempo, i sovrani sospettosi, prima di assaggiare un cibo lo davano al gatto. Oggi, prima di iniettare un farmaco -ad esempio una molecola contro il tumore – lo si sperimenta sul corpo digitale, de-materializzato. Su un ologramma che possiede tutte le informazioni di quel corpo reale, a patire dal DNA. Questa è la virtualizzazione che porta all’Ospedale Virtuale: l’ospedale del futuro. La sanità  digitale è solo la fase propedeutica di quella virtuale, cioè  la riduzione in bit o byte (otto bit) di tutte le informazioni cliniche sul paziente (de-materializzazione). Una medicina personalizzata, più efficace, meno dispendiosa, richiede una sanità de-materializzata e Virtuale. Difficile da far capire in tempi ancora di cultura (e politica) novecentesca, basata sul business delle costruzioni ospedaliere. 

Il Piccolo di Trieste del 19 agosto, pag 15

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *