Mercoledì inizia l’Anno Ardigoiano 

Mercoledì prossimo prende il via l’Anno Ardigoiano con la prima lezione di Pierpaolo Donati, dell’ Università degli Studi di Bologna su “Famiglia, solidarietà e welfare: la sfida ancora attuale di Ardigò alla politica” (presiede Marco Cevenini, Confraternita della Misericordia Bologna, Poliambulatorio Biavati).

Bologna, Confraternita della Misericordia – Aula San Luca, Strada Maggiore 13. Ore 16.00

“Achille Ardigò e Bologna, progettare la solidarietà nella città metropolitana” è un evento culturale e sociale di grande rilevanza che si concluderà con un convegno il 10 settembre 2015.

La nuova dimensione urbana, profondamente segnata dal fenomeno migratorio, che l’ha resa multi-etnica e multi-culturale, dalla ormai lunga crisi economica e occupazionale, da nuovi fenomeni di povertà, emarginazione e criminalità, richiede nuove forme di solidarietà tra le persone, le famiglie e i gruppi sociali per creare inclusione e coesione.

Ancor prima delle infrastrutture materiali – che hanno caratterizzato la città moderna del XX secolo – si avverte la necessità di ‘progettare un welfare solidale’ pensando a nuovi rapporti di aiuto a livello di vicinato, di strada, di quartiere, di città. Anche le nuove tecnologie e i nuovi network possono e devono diventare strumenti di partecipazione, di condivisione e risoluzione dei problemi della gente. Senza questo nuovo collante tutto si disperde nella solitudine dell’individuo e della famiglia, mentre l’impegno politico si inaridisce e sempre più si connota come “fenomeno burocratico”.

Il pensiero di Achille Ardigò e l’azione da lui svolta per la sua città ci forniscono una straordinaria occasione per riflettere e progettare il futuro di Bologna.

L’iniziativa è promossa dall’Università di Bologna, dall’Associazione Achille Ardigò, dalla Confraternita della Misericordia, con il patrocinio del Comune di Bologna, di CUP 2000 S.p.A. dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e della Fondazione del Monte.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *