Scuola Achille Ardigò. Oggi Laboratorio Medico – Paziente: la cura ha bisogno del medico che ascolta

Scuola Achille Ardigò: Oggi Laboratorio Medico – Paziente. Tre ore di discussione libera dopo la bella introduzione di Salvatore Lumia ( e l’efficace moderazione di Lalla Golfarelli). Un pomeriggio di riflessione vera su uno dei temi che Achille Ardigò considerava alla base di una sanità riformata e rivisitata ‘dal lato del cittadino’. Il rapporto Medico Curante – Paziente è la cellula di base del sistema sanitario moderno. Questo rapporto deve essere prima di tutto empatiche e non – come hanno ribadito Lumia e dopo di lui  Masotti e Pinelli e tanti altri – basato su fredde procedure protocollari burocratiche ‘sanitarie’. L’ascolto del paziente deve essere al centro del comportamento de medico moderno e questo purtroppo oggi non accade per indirizzi spesso non corretti. La scienza medica, come le tecnologie biomedicali, sono importanti ma non possono sostituire l’ascolto. Il tempo passato con il malato è tempo di cura e non tempo perso. La sanità a Alta Comunicazione – in primis il FSE – devono essere messi a disposizione di questo ascolto (pensiamo al Taccuino del paziente). L ‘atto medico non può sere trasformato in un atto burocratico. Questi e altri temi al centro di un bellissimo pomeriggio di riflessione autogestita medico- paziente. C’è un interesse crescente alle iniziative della Scuola dei Diritti dei Cittadini Achille Ardigò che continua i suoi appuntamenti del giovedì pomeriggio presso la Misericordia dinStrada Maggiore 13. 

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *