A Bologna il primo sportello per il Fascicolo Sanitario Elettronico

Da metà agosto è attivo presso Cup2000 ( via Borgo di San Pietro 90/c, orario di ufficio, rivolgersi in portineria) il primo sportello, aperto al pubblico, che permette al cittadino di attivare il FSE. Per ottenere l’attivazione del proprio Fascicolo personale è sufficiente presentarsi con un documento di identità e la disponibilità di un indirizzo email personale. Verrà immediatamente inviata una e mail contente una password provvisoria con la quale, da sito www.fascicolo-sanitario.it, si apre il proprio FSE. Viene poi richiesto di scegliere una nuova password che sarà conosciuta solo dal cittadino interessato. Ogni accesso al Fascicolo è ‘tracciato’ e verrà inviato un sms (se l’utente ha lasciato il numero del proprio cellulare) di notifica. Una volta attivato il Fascicolo personale sul web, raggiungibile dal pc o anche dal telefonino e dalle tavolette elettroniche collegate a Internet – come l’iPad – digitando la password, il sistema andrà automaticamente a cercare tutti i dati sanitari presenti nelle 17 aziende sanitarie della regione (referti di visite ed esami, lettere di dimissioni dagli ospedali e dal pronto soccorso, ecc.). È possibile personalizzare il Fascicolo con proprie annotazione, caricando documenti sanitari presenti ne nostro pc, inserire nell’agenda del FSE gli appuntamenti del CUP, attivare automaticamente la prenotazione di un esame o di una visita con il CupWeb e il pagamento di un ticket con il ‘pagamento on line’.
Questa apertura, a Bologna, del PRIMO SPORTELLO è un po’ un evento storico: forse è il primo in Italia e speriamo che presto, in tutta la regione, le Asl attivino sportelli analoghi, abilitando anche il punti CUP per dare a tutti i cittadini l’opportunità di utilizzare il Fascicolo Sanitario Elettronico, una delle più importanti innovazioni sanità italiana ed europea.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *