il Fascicolo Sanitario Elettronico del Cittadino

Nel Corriere della Sera di oggi (di domenica 22 giugno, a pag. 57) si parla di Fascicolo Sanitario Elettronico. Ferruccio Fazio, il sottosegretario al Welfare, dice, a supporto delle dichiarazioni già fatte dal Ministro Sacconi, che entro il 2012 i medici di famiglia italiani compileranno le ricette in formato digitale e le spediranno via Internet. Come stiamo facendo in Emilia-Romagna con SOLE. Ogni assistito dovrà avere la sua storia clinica in formato digitale.
I dati riportati evidenziano una situazione di palese contraddizione: l’86% dei medici italiani usa il computer in ambulatorio, ma solo l’1% delle ricette italiane sono prodotte in formato elettronico (contro il 97% della Danimarca e l’81% della Svezia). Considerazione:
1. Se fosse attivo il fascicolo sanitario elettronico del cittadino (l’Electronic Health Record), disponibile e consultabile in qualsiasi momento per conoscere la storia clinica di ognuno di noi – con l’autorizzazione dell’interessato – le cliniche e gli ospedali del tipo Santa Rita di Milano non avrebbero vita facile;
2. Con il Progetto Sole – che CUP 2000 sta completando per la Regione Emilia-Romagna – siamo già molto vicini a questo importante traguardo europeo. SOLE rappresenta forse la realizzazione più avanzata di sanità elettronica in Italia. Come hanno scritto alcuni studiosi dell’Università Bocconi (L. Buccoliero, C.Caccia, G.Nasi, e-Health, Percorsi di implementazione dei sistemi informative in sanità, McGraw-Hill), SOLE è il progetto di sanità elettronica italiana più vicino alla cultura europea dell’e-Health. Il progetto va completato focalizzando l’attenzione sul fascicolo sanitario elettronico come documento digitale (e storia clinica) DEL CITTADINO; come ulteriore evoluzione della cartella clinica elettronica del medico di famiglia.
3. Questa cultura e-Health (che è poi quella del Web 2.0 di Internet), a ben guardare, porta ad uno sconvolgimento positivo delle vecchie pratiche in sanità, compresa quella della vecchia informatizzazione sanitaria che abbiamo conosciuto dagli anni 70-80 in poi. Essa si basa su un concetto semplicissimo: tutto ruota attorno al percorso di salute del cittadino e l’EHR (il fascicolo elettronico personale DEL CITTADDINO) è una specie di avatar che lo segue ovunque, lungo il suo percorso di vita, di salute e di malattia. L’organizzazione sanitaria dovrà ruotare attorno a questo percorso e a questi dati. Capite bene che si tratta di raddrizzare quello che succede oggi, dove è il cittadino che “ruota” , nel bene o nel male, attorno all’organizzazione della sanità. E’ una rivoluzione copernicana che non sarà indolore e che si cercherà di spostare in avanti, sempre più avanti nel tempo. Ma è importante sapere che la società e la sanità di Internet ci porterà lì.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *