Il Green Data Center: a Modena un esempio di Buona Amministrazione della sanità digitale

Ieri, all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Modena – Direttore Generale Stefano Cencetti – è stato inaugurato qualcosa di tecnologicamente eccezionale: il Green Data Center. E’ una struttura high-tech che permette al Policlinico di entrare veramente nell’era dell’e-Health. Un grande sistema di memorizzazione elettronica, costruito all’insegna del rispetto ambientale, del risparmio energetico e della sicurezza dei dati e delle informazioni sanitarie dei cittadini. Uno dei più avanzati d’Italia. E’ stato realizzato da Cup2000 (capo progetto Federico Calò) – la società è partecipata dal 2006 anche dall’Azienda Ospedaliera modenese – con un contratto in house per un investimento complessivo di 3 milioni di euro. Tempi di realizzazione ristretti e perfettamente programmati + economicità delle soluzioni scelte + ottima collaborazione con il Servizio di Tecnologia dell’informazione interno all’azienda (diretto da Ferdinando Donati, con la collaborazione di Marco Bagnoli): è stata la formula vincente per una realizzazione di alta tecnologia digitale che farà scuola nella digitalizzazione della sanità Italiana. I lavori, iniziati nell’ agosto 2007, si sono conclusi completamente nel dicembre del 2008 col l’attivazione della struttura. Le reti e-Health sono composte da tre cose: capitale umano (cosa sarebbe internet senza le persone!), capitale digitale e capitale informazionale. Quest’ultimo, che comprende il complesso dei dati-informazioni in formato elettronico e multimediale, va “stivato” in “botti sicure” e tali da garantire, al tempo stesso, ricovero sicuro e veloce accesso. Il Green Data Center ha tutte queste caratteristiche ed è, per di più, un esempio, in Emilia Romagna e in Italia, di ottima amministrazione della sanità digitale. Una formula da imitare.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *