Liste di attesa in sanità e i nostri sportellisti Cup

Ieri a CUP 2000 si è discusso di liste di attesa in sanità e di “presa in carico” del cittadino. Molta gente, un bell’incontro. Ma sopratutto una bella visita del Sindaco Sergio Cofferati, che senza tanti giri di parole, ha centrato il problema: quando vado al Cup o ad uno sportello pubblico e torno a casa senza aver trovato una risposta al mio problema, subentra disagio e sfiducia. Se poi sono un anziano, una persona che non possiede particolari risorse economiche o relazionali, questo disagio è molto più forte. E’ così. E ieri abbiamo presentato – grazie ai risultati di un intenso lavoro di collaborazione tra Azienda Sanitaria di Bologna, Conferenza Sanitaria Metropolitana e CUP 2000 – una proposta di “Nuovo Cup Metropolitano” che risponde al problema posto dal Sindaco: entro il 2007 nessun cittadino di Bologna deve andare a casa dal Cup senza trovare una risposta. Se non la trova subito, la troverà per lui il sistema e verrà richiamato telefonicamente a casa entro 10 giorni.

ps: sempre al convegno di ieri ho sentito il dovere di dire una cosa a cui credo profondamente: abbiamo a Bologna circa 150 persone che ogni mattina, agli sportelli Cup, ricevono migliaia di cittadini che vengono per prenotare visite, esami e per risolvere i loro problemi di salute. Una grande “interfaccia umana” tra i cittadini, i loro bisogni e il sistema della sanità. Mi sento di affermare, senza esagerare, che senza di loro la sanità di Bologna si fermerebbe. La sanità è un mondo sempre più complesso e la gente, giustamente, richiede risposte semplici, corrispondenti ai loro bisogni. Questi “sportellisti” di CUP 2000 sono il filtro umano: persone con una grande professionalità, maturata in anni di lavoro, a contatto con la gente e i servizi sanitari. Forse è bene che la sanità publica di Bologna e noi tutti ne  prendiamo atto, mettendoli nella condizione di lavorare sempre meglio e riconoscendo loro l’importante ruolo che hanno.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *