Medici di famiglia

Sulla centralità del medico di famiglia, anche in risposta ad una gentile lettrice del mio blog, credo di aver già scritto tanto su questo sito. Il tema sarà ampiamente sviluppato nel libro “Internet&Sanità” che FrancoAngeli sta già stampando. Tutto il mondo della nuova economia – quindi anche quello dei servizi, come la sanità – si sta evolvendo in una direzione ben precisa, con il cliente (o l’utente) e il professionista al centro del nuovo firmamento. Nelle aziende moderne diminuisce il tasso di burocrazia (e di autoreferenzialità) nell’incontro tra professionalità e clientela. La Fiat di Sergio Marchionne ne è un esempio. C’è un bello scritto di Adriano Olivetti del lontano 1942 che dice già queste cose parlando della sua fabbrica di macchine da scrivere. Internet ha ‘codificato’ questa prospettiva, e il medico di famiglia è il professionista della azienda sanitaria che ha il più diretto contatto con l’utente-cliente.

Sabato al bel corso di Alta Formazione dell’Università di Bologna (interfacoltà) erano presenti e attentissimi molti medici di famiglia dell’Emilia-Romagna e, durante la lezione, ho avuto la netta percezione di un loro grande interesse a questa prospettiva di ‘nuova sanità” e di ‘sanità in rete’ dal lato del cittadino’ (di cui ho parlato assieme a Walter Bergamaschi, direttore del Sistema Informativo del Ministero della Salute).

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *