Precariato e lavoro al tempo di Internet

Ieri è stato un giorno importante per la nostra azienda. Abbiamo firmato l’accordo con le organizzazioni sindacali per superare il ‘precariato’. Tutti i lavoratori dipendenti di CUP 2000 con contratti a termine, assunti prima del 31 dicembre dell’anno passato, sono diventati dipendenti a tempo indeterminato della società. Non è vero che nell’economia di Internet domina il precariato. Chi fa questa politica non va lontano e non ha fiducia nella nuova economia. Un lavoratore che allo sportello Cup riceve centinaia di cittadini ogni giorno, operando con un software molto complesso per risolvere i problemi della gente (per di più, problemi di salute) è per noi – e per la sanità pubblica – una risorsa preziosa, che cerchiamo di non perdere. Così come un bravo progettista di reti. Ovviamente anche tra i 530 addetti di CUP 2000 SpA ci sono progettisti che preferiscono rapporti di lavoro parziali o non di dipendenza e, ovviamente, anche queste scelte vanno rispettate. Quello che voglio dire, però, è che nell’economia di Internet la risorsa umana è tutto e bisogna avere il coraggio di scommettere sulle persone che ogni giorno vivono i probelmi dell’azienda. CUP 2000, 10 anni fa, quando Internet la conoscevano in pochi, aveva solo tre dipendenti.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *