Telemedicina, una nuova tag

CUP 2000 è impegnata in progetti di monitoraggio della telemedicina. Nel corso di questi lavori abbiamo innanzitutto cercato una tag aggiornata del fenomeno. Le definizioni correnti ci sono sembrate incomplete, comunque culturalmente pre-Internet: “la telemedicina è l’insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a distanza o più in generale di fornire servizi sanitari a distanza” (Wikipedia), “Un servizio di monitoraggio sanitario dell’utente che utilizza sistemi di pronto accesso alla consulenza di esperti ed alle informazioni del paziente, indipendentemente da dove il paziente o le informazioni risiedano” (Osservatorio Nazionale delle reti e-Care). Anche in sede di Comunità Europea si trovano, più o meno, definizioni analoghe, ovvero incentrate sull’aspetto tecnologico della rete. Riguardando la matrice precedentemente inserita in questo blog (del 17-06-09) sulle reti primarie (dati) e secondarie (e-Services) si può tentare, non senza fatica, una rilettura del fenomeno. Occorre infatti partire dalla costatazione che i recenti studi sulle reti e su Internet, nell’ambito della fisica (dinamica e composizione dei grafi) e della sociologia (dinamica e composizione dei sistemi organizzativi complessi), permettono una più precisa classificazione del fenomeno e-Health di cui la telemedicina fa parte. Le reti Internet della sanità (e-Health) possono essere classificate sia partendo dalla suddivisione tra reti tecno-organizzative (dell’organizzazione, come le reti intranet ed extranet e i sistemi informativi aziendali) e tecno-sociali (aperte ai cittadini) sia considerando la “qualità del dato” e le caratteristiche dell’e-Services che si va a costituire come “prodotto della rete”. Già nella matrice di classificazione delle reti definita “5×3” (presentata da CUP 2000 nell’ambito dell’Osservatorio Nazionale delle reti e-Care: si veda ancora questo blog) era presente una distinzione tra le reti e-Health “primarie” (quelle che generano dati e informazioni personali, sociali e organizzativi) e “secondarie” (quelle che, attraverso l’utilizzo dei dati primari, generano e-Services specifici, come la prenotazione elettronica con i CUP, la telemedicina e-Care, l’EHR e l’EMR per le cure primarie, gli e-Services per il miglioramento dei processi aziendali, ecc.). La sociologia, in particolare la sociologia dei sistemi riformulata da N. Luhmann e da A. Ardigò, sia pure da versanti culturali diversi, permette inoltre di specificare il percorso di cura nel rapporto organizzazione sanitaria-ambiente (del cittadino) e nelle dinamiche comunicative-decisionali. Storicamente la sanità riformata porta a spostare il ciclo di cura, la presa in carico dell’assistito, dal “luogo interno all’organizzazione” (l’ospedale, dove il prodotto-servizio assistenziale viene comunicato con logiche interne, ovvero organizzative) all’ambiente del cittadino assistito, dove invece la comunicazione dell’assistenza assume valenza ambientale, del mondo vitale della gente: prima nel territorio (centri di cura primari, MMG e PLS) e poi, sempre più, Home Care. La cura è fondamentalmente un prodotto comunicazionale, di interazione tra medico curante (o altro personale specializzato) e assistito, supportato da tecnologia bio-medicale (la chimica dei farmaci, la tecnologia chirurgica e diagnostica, ecc.). Ridefinendo la Tag della telemedicina BtoC (rete di e-Services per l’assistenza home care) in questa nuova prospettiva scientifica e culturale si è portati a classificarla come: organizzazione di rete per fornire potenzialità (tecno-organizzativa) comunicazionale al fine dell’assistenza ambientale. Ovvero un complesso (organizzazione) di capitale digitale, umano, organizzativo e relazionale (rete) per supportare in ambito ambientale (quindi non ospedaliero o ambulatoriale) e con potenti flussi comunicativi, l’interazione assistenziale medico-paziente, rendendo efficace ed efficiente il prodotto dell’assistenza in questo nuovo ambiente.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *