Una smartcard a tutti per accedere al FaSP

Oggi tre paginone del Corriere della Sera (pag. 47-48-49) sulla tessera sanitaria elettronica e sul Fascicolo sanitario personale (elettronico), il FaSP. Come sempre, nell’enfasi giornalistica, si confondono i problemi, che sono: 1. Come si forma e da cosa è formato il FaSP? 2. Come tutelare il diritto alla privacy del cittadino. 3 Come rendere questo indirizzo europeo realizzabile in tempi non storici? Sul primo punto, anche in questo servizio si dice poco o nulla. Regioni come la Lombardia continuano a fare massicci investimenti in strutture tecnologiche (rete, card, lettori, server, ecc.) seguendo una via diversa dall’Emilia-Romagna – Progetto SOLE, che ha subito puntato sul servizio: la trasmissione-condivisione del dato (referto, ecc.) tra i medici, preludio al FaSP e al collegamento con il cittadino. Oggi già oltre sette milioni di informazioni circolano nella rete. Poi si confonde l’accesso con la tutela della privacy: per accedere alle reti Internet non occorrono costose smartcard e, soprattutto, le informazioni non possono stare sicure dentro un pezzo di plastica portato in tasca e facilmente smarribile. Premesso che le informazioni devono stare in rete Internet, poiché la rete è presente ovunque, sorge un altro problema. Per rendere tecnicamente e legalmente sicuro l’accesso ai dati (tutela della privacy) dovremo distribuire a tutti gli italiani una smartcard con relativo microchip e lettore digitale a casa? Un bel costo. Ma siamo sicuri che è l’unico modo per risolvere il problema in tempi non storici? E poi, quali dati dovranno essere a disposizione del cittadino? Tutta la sua storia clinica o una schedulazione di patient summary adeguati alle esigenze di cure? Ne discuteremo con il Garante Franco Pizzetti nel convegno di Bologna di venerdì 7 Novembre (Tutela della privacy e sanità: Cup 2000, SPISA, Regione Emilia-Romagna)

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *