Web e liste di attesa

A proposito di liste di attesa e trasparenza. È significativo che solo il 19% delle Regioni italiane renda visibili sul web i tempi di attesa per le prestazioni sanitarie. Una percentuale che sale un po’ nel caso delle Asl (il 27%: il 100% di quelle trentine, 83% delle friulane, 18% in Emilia-Romagna, 0% delle ASL in ben 6 regioni) e delle aziende ospedaliere (19%). Ciò fa dire alla Federanziani, che cura una puntuale guida annuale ai dati della sanità italiana – www.sanitaincifre.it – che “c’è una grave mancanza di dati per informare i cittadini che vogliono accedere alle informazioni sulle liste di attesa attraverso Internet, soprattutto a livello regionale”. A Bologna, al sito  Internet www.cup2000.it , è possibile controllare i tempi di attesa di tutte le 1800 tipologie di prestazioni sanitarie prenotabili al Cup. Un caso unico nello scenario nazionale, a quanto pare!

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *