Case della Salute. Cambio di paradigma in sanità? Forse.

Oggi presso la Sala Avis delll’Ospedale Maggiore di Bologna si è svolto bel incontro sulle Case della Salute, presenti tra gli altri, Franco Riboldi, Luca Rizzo Nervo e i vertici della sanità dell’Emilia Romagna assieme a numerose organizzazioni del cosiddetto Terzo Settore. Uno bella iniziativa di studio e di confronto. 

A mio parere si possono individuare quattro modelli (a confronto) di diversa matrice culturale, che poi nella realtà delle singole esperienze tendono ad integrarsi:

1 quello solidaristico, di comunità e di volontariato, ‘cattolico-lombardo’ ( modello Casa della Carità di Milano), presentato da Franco Riboldi, ma, per citare una diversa esperienza, ( purtroppo ieri non citata) anche Misericordia-Biavati di Bologna;

2 quello pubblico-istituzionale, più di tipo sanitario, delle Ausl,dell’Emilia Romagna, dove l’integrazione socio-sanitaria è ricercata sopratutto nel rapporto con i Comuni;

3 quello del cosiddetto Terzo Settore a prevalente presenza cooperativa ( sostenuto dalle coop sociali)

4 quello ‘laico’ di tipo britannico (delle Dottor Surgery), basato sul  Health Connect ( qui abbastanza ignorato)

Detto ciò, ecco i miei appunti scritti durante il convegno (assolutamente disordinati):

– C’è un pericolo di burocratizzazione e medicalizzazione delle case della salute (che spiega la loro ‘complessità ‘), cioè di istituzionalizzazione, sempre presenta;

– Bisogna evitare che diventino oggetto di ‘business sociale’ delle varie coop (farcendo l’incontro con forme vere di volontariato)

– può essere un salto di paradigma dalla sanità alla salute (Rizzo Nervo) se i modelli 1,2 trova una autentica integrazione, come detto da Franco Ribodi: casa della salute e non della sanità, nasce da gruppi informali che si confrontano con le istituzioni ( manifesto ‘salute e bene comune’ proposto dallo stesso Riboldi) : casa di comunità. La casa della salute come azione di comunità: diritti doveri e partecipazione. Welfare di comunità. Luogo in cui i protagonisti della comunità partecipano. ‘Luogo dei Luoghi’ ‘Non è luogo dell’esercizio del potere’ [ espressione molto bella]. Le case della salute possono essere anche sussidiarie, a gestione Ausl, ma anche comunale o del privato sociale ( Casa della carità di Milano.). Si veda prima tabella presentata da F Riboldi.

[io valuterei anche esperienze ‘laiche’ – Tipo inglese, modello 4 – Basate su una forte riduzione della componente burocratica, ad esempio ad accesso diretto e semplice X tutti: da me sperimentata personalmente per una settimana di malattia a Nord di Londra]

Emilia Romagna: risultati importanti:

– 80 case della salute in ER , soprattutto Parma, Reggio, Bo ( si veda seconda tabella presentata da Assessorato alla Salute della Regione ER)

– 1293 MMG 43%, 271 pediatri 44% , presentata esperienza iper strutturata di  Copparo

Occorre ‘un software’ ? No, il problema è mal posto: occorre che tutto il progetto rientri nell’epocale cambio del medium: il passaggio dalla sanità dei certificati cartacei a quella dematerializzata, all’e-Health, al FSE e al Dossier Sanitario, creando il Fascicolo Socio-Sanitario elettronico (FSE) per le Case della Salute [ perché nessuno dei relatori del convegno pare conoscere l’FSE in una regione che per prima l’ha realizzato?]

– le C. della S. sono hub di molti PDTA ( percorsi diagnostici terapeutici assistenzial) e di  

  

 medicina medicina d’iniziativa con infermieri [ anche qui occorre misurarsi con la ‘dematerializzazione dellle informazioni di salute collegando PDTA e FSE]

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *