Ferrara, un centro avanzato dell’e-Care

L’e-Care si sperimenta a Ferrara. La città estense sta diventando un centro di alta sperimentazione dell’e-Care e della telemedicina, per sensibilità degli amministratori (del Comune, della Provincia, della AUSL), per la presenza di una Università particolarmente attenta a questo settore avanzato della sanità di Internet. Ma anche, ci tengo a dirlo, per la presenza di una filiale della società CUP 2000 (CUP 2000 Ferrara), dinamica e legata al territorio. Il modello organizzativo della nostra azienda ha infatti due punti forti: la struttura a matrice orizzontale, per progetti, e il decentramento territoriale che lascia ampia autonomia alle unità operative sul territorio. Quando l’azienda, prima dell’entrata il vigore della legge Bersani, aveva sedi a Genova, Firenze, Napoli, Mantova, Milano, ma anche a Cagliari, Palermo, Roma, e Venezia, sperimentò il modello territoriale. Oggi lo ripropone in altra forma, non commerciale, coerente con la legislazione in materia di società regionali, ma soprattutto con le esigenze degli enti e delle aziende pubbliche soci. La presenza territoriale dell’azienda è legata alla sperimentazione e messa in opera di reti e-Health e e-Care, come avviene, appunto, a Ferrara. Nel convegno di venerdì scorso (“E-Care a Ferrara. L’innovazione tecnologica per la salute ed il benessere”) sono stati presentati i risultati di due anni di intensa attività su progetti e-Care.

Il punto della situazione è stato fatto, in modo intelligente, guardando le esperienze da più versanti: quello istituzionale (ne hanno parlato gli assessori Diego Carrara e Maria Giovanna Cuccuru), dell’organizzazione sanitaria (Fosco Foglietta ha approfondito il tema dell’ICT come strumento per l’integrazione socio-sanitaria), della medicina (Felice Maran dal lato dell’innovazione a sostegno della fragilità), dell’ingegneria tele-biomedica (Piero Olivo illustrando il progetto WEB-TAO per monitorare a distanza pazienti sottoposti a terapia di anticoagulanti). In particolare Fernando Anzivino ha presentato i risultati, in termini di efficacia, dell’attività di telemedicina-teleassistenza su pazienti geriatrici sottoposti a cure ortopediche (orto geriatriche) a conferma della validità della telemedicina quando è ben progettata e gestita assieme alla teleassistenza. E, infine, Alfredo Bertelli, sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna, ha analizzato i progetti sotto l’aspetto delle politiche istituzionali nel quadro, sotto certi aspetti drammatico, della crisi economica e finanziaria in atto ma anche della volontà di proseguire con corraggio sul terreno dell’innovazione. Ho cercato di dare un contributo, nel corso del convegno, richiamando un po’ i sei capisaldi dell’e-Health, la sanità in rete al tempo di internet:
1. la condivisione del dato clinico tra i medici e professionisti della sanità e dei servizi sociali, con progetti come SOLE;
2. il trasferimento del dato-informazione al cittadino come suo naturale e legale possessore (Fascicolo Sanitario Elettronico Personale: FaSP);
3. l’accesso elettronico ai servizi sanitari con i Cup e i CupWeb (in prospettiva a tutte le prestazioni sanitarie, compresi i ricoveri ospedalieri non urgenti e a quelle sociali);
4. il trasferimento in rete delle informazioni e conoscenze per l’assistenza home care (e-Care) – comprensiva dei programmi di deospedalizzazione e attraverso la telemedicina, teleassistenza e telesoccorso;
5. Il trasferimento in rete delle informazioni per la telemedicina Hub and Spoke, per la diffusione orizzontale (nel territorio) e verticale (nella struttura ospedaliera) delle eccellenze medico-scientifiche e medico-cliniche;
6. l’utilizzo delle reti per una efficiente e meno costosa (e) governance clinica e (e) governance amministrativa.
Ricordando, inoltre, che l’Emilia-Romagna ha varato, nell’ambito del Piano Telematico e Socio-Sanitario della Regione, e avvalendosi di CUP 2000, un programma di realizzazione di reti e-Health – a partire da SOLE – che la porterà ben presto in una posizione di netto vantaggio sul terreno dell’innovazione e per una sanità al tempo di Internet.

PS: chiedo agli amici di Ferrara di completare i dati che ho fornito nella tabella sui progetti e.Care dell’area ferrarese, anche perchè nel corso del convegno di venerdì sono stati presentate tabelle  di dati aggiornatissimi e molto tinteressanti.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

One Reply to “Ferrara, un centro avanzato dell’e-Care”

  1. Lo sviluppo di progetti e-Care nel ferrarese, come testimoniato dal convegno del 20/3, ha raggiunto livelli di assoluta significatività

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *