Il Ministro Luigi Nicolais incontra a CUP 2000 il “cantiere delle reti”

Luigi Nicolais – Ministro per le Riforme e l’Innovazione nella Pubblica Amministrazione – verrà a CUP 2000 il 19 febbraio (ore 15,30) per incontrare il “cantiere delle reti della nuova sanità”. E’ un incontro con i dirigenti e i progettisti della società, ma anche con amministratori, tecnici e amici che in tutto questo tempo hanno seguito con interesse e passione l’esperienza di CUP 2000 per costruire la sanità al tempo di Internet. Un grande cantiere virtuale. La società è infatti impegnata, in questa fase del suo sviluppo, alla costruzione di reti tecno-organizzative e tecno-sociali per la sanità e i servizi sociali regionali, grazie soprattutto all’importante investimento che la Regione Emilia-Romagna sta facendo per l’innovazione in sanità e nei servizi socio-sanitari. Ci sono in cantiere, mentre sto scrivendo sul blog, almeno 50 progetti di reti: da SOLE – la grande rete dei 3.800 medici di famiglia dell’Emilia-Romagna – ai Cup e all’Integratore regionale per i Cup, alla rete per l’accesso ai ricoveri programmati negli ospedali, alle reti dell’emergenza e della e-Governance della sanità emiliano-romagnola. Tutte reti e sottoreti del grande mondo di Internet. Il nostro impegno è trasformare le reti chiuse (tecno-organizzative) in reti tecno-sociali (e-Care) aperte al cittadino. Il vecchio periodo della “informatizzazione” della sanità, quando l’obiettivo era centrato sulle tecnologie comunicative interne all’organizzazione (PC, Sw, Hw), è ormai passato da tempo. Ma è ormai alle nostre spalle anche quello della prima Internet (e-Mail, “portali vetrina” non interattivi, ecc.). La tappa futura sarà il pieno ingresso del welfare pubblico nella cultura collaborativa wiki: costruire assieme sul web i nostri programmi di salute. Ne parleremo con il Ministro, che è anche uno scienziato di fama internazionale. 

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *