Una visita all’ANT

Siamo andati (il Presidente Luciano Vandelli e una delegazione della nostra azienda) a far visita all’ANT, presso il loro bel centro di via Jacopo di Paolo a Bologna. L’ANT, come tutti orami sanno, è l’associazione che assiste gratuitamente a casa i malati oncologici. Un “briefing dell’amicizia” tra CUP 2000 e ANT, come ha voluto chiamarlo il prof. Pannuti, da sempre anima di questa importante iniziativa sociale. A Bologna assistono “in linea” oltre un miglia di persone sofferenti e spesso malati terminali, a domicilio. Mi hanno ringraziato perché nel 1988 – in quel periodo ero assessore alla sanità del Comune di Bologna – feci con loro la prima convenzione. Hanno un costo medio a giornata per assistito di 16-17 euro e sono molto apprezzati dalle famiglie che in questo modo non si sentono sole di fronte al dramma di una malattia così grave. L’ANT assiste le persone a casa ed è una forma di “ospedalizzazione a domicilio” per situazioni sanitarie gravi. Un’esperienza di solidarietà umana e di cura che ha avuto successo in questi 20 anni di esistenza, non solo a Bologna. Ha dimostrato tre cose: 1, che la sanità può anche essere pubblica senza necessariamente essere statale; 2, che l’ospedale non è l’unica forma di assistenza anche per malattie gravi; 3, che la solidarietà può essere efficacemente organizzata partendo dai bisogni delle persone che più soffrono.

Condividi questo intervento:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *